“Tempesta perfetta” e “Oltre il Pil”: materiali per discutere

5 marzo 2012 | 12:01 | 2030 - La tempesta perfetta, Felicità e benessere, Libri

In questi giorni, oltre a partecipare a una presentazione a Bruxelles di 2030 – La tempesta perfetta, sono stato invitato a prendere parte a due seminari. Come promesso, rendo disponibili sul mio sito le slides impiegate nelle due presentazioni, che in parte si sovrappongono. Leggi tutto…

Commenti (1)


La “tempesta perfetta” potrebbe arrivare anche prima del 2030: cominciamo a pensarci

21 febbraio 2012 | 18:07 | Dialoghi tra padre e figlio, Futuro, Libri, Politica italiana

È ormai in circolazione da quasi un mese il libro che ho scritto con Gianluca Comin: 2030 La tempesta perfetta – Come sopravvivere alla Grande Crisi. L’accoglienza è stata ottima, com’è testimoniato dalle numerosissime recensioni. Mi sembra giunto il momento di tracciare un primo bilancio, anche perché Gianluca e io abbiamo fatto questo lavoro per stimolare il dibattito in Italia su temi importanti, sistematicamente accantonati di fronte alle emergenze. Vorrei sottolineare tre cose: le caratteristiche temporali del nostro discorso, la natura delle sfide che abbiamo di fronte e i ritardi, soprattutto nel nostro Paese, nell’elaborazione delle risposte. Leggi tutto…

Commenti (1)


Amato: dopo la crisi un’Europa più unita, forse senza Londra

1 febbraio 2012 | 22:04 | Economia italiana, Europa, Futuro, Libri

Adesso possiamo dirlo: è possibile che l’euro superi la crisi, nonostante le previsioni autorevoli e tecnicamente fondate di un suo tracollo. Ragioniamo sul testo di una mia intervista a Giuliano Amato, nella quale l’ex presidente del Consiglio dimostra capacità di visione politica e delinea il futuro dell’eurozona come nucleo propulsivo dell’integrazione europea. Un futuro che inevitabilmente imporrà una drammatica alternativa agli euroscettici, Gran Bretagna in testa: o accettare le regole comuni o uscire dall’Unione. Leggi tutto…

Commenti (0)


2030 – La tempesta perfetta: una proposta “new global”

27 gennaio 2012 | 10:34 | Dialoghi tra padre e figlio, Futuro, Globalizzazione, Libri, Migrazioni, Statistica

E’ uscito ieri in libreria il volume 2030. La tempesta perfetta - Come sopravvivere alla Grande Crisi (Rizzoli, 240 pagine, 18,50 euro, anche in e book) che ho scritto insieme a Gianluca Comin. L’accoglienza iniziale è stata ottima, con numerose recensioni, soprattutto on line, fin dal primo giorno. Abbiamo creato un sito che segue gli sviluppi del libro. Ci auguriamo che stimoli discussioni su temi che in Italia tendiamo sempre a nascondere sotto il tappeto, perché troppo presi dalle difficoltà dell’oggi per pensare anche ai rischi del domani. Eppure bisogna cambiare: politiche nazionali ed internazionali, comportamenti individuali e delle imprese, strumenti di misura del progresso, in un insieme che abbiamo definito “una filosofia new global”. Ci aiuta la rete, il moltiplicarsi delle comunicazioni, la crescente consapevolezza nel mondo dei rischi che stiamo correndo.

Il libro valuta la possibilità che entro il 2030 si determini una situazione difficilmente gestibile a causa dell’aumento dei consumi, delle diffuse povertà indotte anche dal riscaldamento del Pianeta, dalla debolezza delle risposte politiche a livello globale. Ne potrebbe derivare la cosiddetta “tempesta perfetta”, ancora più devastante di una guerra mondiale. Si può evitare? Abbiamo cercato di dare una risposta spaziando dalle problematiche demografiche a quelle ambientali, dalla politica all’economia. Leggi tutto…

Commenti (0)


Impariamo a valutare con esattezza i limiti dei sondaggi

26 novembre 2011 | 11:54 | Statistica

Qual è il margine di errore sui sondaggi politici che vediamo con frequenza in televisione e sui giornali? Il post dedicato ai sondaggi del lunedì di Enrico Mentana, che ho pubblicato su Numerus, il mio blog sulla statistica sul sito del Corriere della Sera, ha provocato una serie di commenti che mi hanno indotto ad approfondire il tema. Pubblico sul mio sito le considerazioni più tecniche, che possono essere utili anche agli studenti dell’Ifg di Urbino e a chiunque sia interessato a capire meglio questo argomento e ringrazio l’ex presidente dell’Istat Alberto Zuliani per avermi pazientemente fornito gli elementi necessari. Leggi tutto…

Commenti (0)


I nuovi trend demografici in Cina e India

29 ottobre 2011 | 10:54 | Futuro, Globalizzazione

Negli anni che finiscono per zero o per uno il mondo si conta. Quasi tutti i censimenti si svolgono con cadenza decennale; quelli in corso tra il 2010 e il 2011 (compreso quello italiano) sono circa un centinaio. Di particolare interesse sono i censimenti già svolti in Cina e India, che ci danno un’idea del futuro dei due più grandi Paesi del mondo.

Il sesto censimento della popolazione cinese si è svolto nel novembre 2010, con la partecipazione di dieci milioni (dieci milioni!) di enumerators, intervistatori che hanno battuto città e campagne. Il 15mo censimento della popolazione indiana è cominciato il 9 marzo. Ha comportato, come quello cinese, un gigantesco sforzo organizzativo, con 2,3 milioni di ispettori che hanno battuto 630mila villaggi e 5mila città.

Le prospettive demografiche dei due Paesi sono molto diverse: molto più preoccupanti quelle cinesi per l’invecchiamento della popolazione; sono invece un punto di forza, nonostante gli spaventosi squilibri sociali, per il futuro dell’India, che entro il 2025 diventerà il più grande Paese del mondo. Leggi tutto…

Commenti (0)


Come uscire dalla morsa dello spread

8 ottobre 2011 | 08:51 | Economia italiana, Finanza&Mercati, Politica italiana

Eventuali misure di finanza straordinaria, quali l’imposta patrimoniale proposta dal “Progetto delle imprese per l’Italia”, o il prestito forzoso delineato nella recente proposta Monorchio – Salerno devono essere innanzitutto destinate alla  riduzione del debito per abbattere lo spread tra titoli italiani e titoli tedeschi. Ma richiedono comunque una serie di condizioni preliminari. Ecco il testo del commento che ho pubblicato il 7 ottobre sul quotidiano Finanza e Mercati. Leggi tutto…

Commenti (1)


Disoccupazione, ripresa, governance: commenti su F&M

6 ottobre 2011 | 03:14 | Economia italiana, Finanza&Mercati, Globalizzazione, Migrazioni, Politica italiana, Senza categoria

Su Finanza & Mercati, il quotidiano di Milano diretto da Gianni Gambarotta, sto pubblicando una serie di articoli relativi a temi di attualità. Ecco i primi:

Sulla crescita economica: un articolo del 9 settembre.

Sulla disoccupazione, 1l 16 settembre.

Sulla ripresa “verde”, il 23 settembre

Sulla governance della finanza globale, il 30 settembre.

Commenti (0)


Gaspari al Mezzogiorno: un ottimo ministro in anni difficili

20 luglio 2011 | 16:43 | Amarcord, Persone, Politica italiana

Riprendo a scrivere sul mio sito personale, che ho trascurato in questi mesi per dedicarmi a Numerus, il blog su Corriere.it, perché voglio dire la mia su Remo Gaspari, il politico democristiano scomparso ieri a Gissi, il suo paese natale. Non è stato solo in grande protettore del suo Abruzzo, un tipico potente della Dc dorotea che dominava la Prima repubblica. E’ stato anche, per come l’ho conosciuto, un ottimo ministro.

Nell’aprile del 1988, quando divenne ministro del Mezzogiorno, dirigevo Capitale Sud, un settimanale del gruppo Class dedicato appunto all’economia del Mezzogiorno. Ero molto prevenuto e dovetti ricredermi. Era un periodo di grandi speranze e di tanti soldi per il cosiddetto “intervento straordinario”. Due leggi, la legge 44 e la 64 del 1986, avevano annunciato una pioggia di miliardi sul Sud. La 44 per finanziare l’imprenditorialità giovanile, la 64 per una serie di cosiddette “azioni organiche” nelle quali c’era dentro di tutto, dall’informatizzazione della Calabria alle più disparate opere pubbliche.

Leggi tutto…

Commenti (2)


E’ nato “Numerus” su Corriere.it

9 maggio 2011 | 16:04 | Statistica

Sono molto lieto di annunciarvi che dal 3 maggio mi è stato affidato un  blog su Corriere.it : si chiama Numerus e tratta temi legati all’evoluzione della statistica e all’uso politico e mediatico dei dati. Per me questa testata ha anche un valore affettivo: dodici anni fa, quando dirigevo la comunicazione dell’Istat, con Alberto Zuliani ed Enrico Giovannini pensammo a “Numerus” come ad un bollettino quotidiano di divulgazione e analisi. All’epoca non se ne fece nulla. Oggi “Numerus” nasce in un contesto prestigioso e indipendente. Cercherò di aggiornarlo con frequenza, ma conto sull’apporto di tutti gli interessati al progresso della statistica e di chi come me è convinto che “Numerus reipublicae fundamentum”.

Commenti (1)


« Articoli precedenti     Articoli successivi »